Svolta per la cura del cheratocono?

Sembra proprio che siamo difronte ad una svolta nella cura del cheratocono.
È di questi giorni, infatti, la notizia di una startup della Regione Lazio che avrebbe scoperto un nuovo metodo che arresta la progressione della patologia.

Cos'è il cheratocono?

Il cheratocono è una patologia degenerativa che colpisce la cornea.

In sostanza si tratta di una deformazione della parte centrale della cornea, ovvero la membrana trasparente che costituisce la prima lente naturale dell’occhio.
In una cornea affetta da cheratocono il tessuto che la compone perde rigidità e si assottiglia, deformandosi sempre di più e andando ad assumere una forma conica, da cui il nome.

Nella maggior parte dei casi si presenta nell’infanzia o nel periodo della pubertà, e progredisce fino a circa 40 anni di età (anche se esistono casi in cui la progressione può continuare anche oltre).

Le cause sono spesso attribuibili a fattori genetici, la maggior parte dei pazienti affetti da cheratocono, infatti, ha altri casi in famiglia.

Attualmente il cheratocono viene trattato con terapie che vanno a rinforzare il tessuto corneale ma, nei casi più gravi, si può ricorrere anche al trapianto di cornea.

Curare il cheratocono con la teranostica

Veniamo quindi alla bella notizia di questi giorni:
Regensight, la startup fondata da fratelli Marco e Giuseppe Lombardo, ha sviluppato una cura rivoluzionaria per questa patologia, sfruttando la tecnologia teranostica.

Il termine teranostica deriva dall’unione delle parole terapia e diagnostica.

Unendo queste due procedure è possibile colpire con precisione le cellule malate risparmiando i tessuti sani, evitando anche i comuni effetti collaterali derivanti dalla radioterapia (per approfondimenti vi rimandiamo a questo articolo di GeoPop, il quale spiega in modo dettagliato come funziona la teranostica).

I due fratelli, rispettivamente medico oculista e ingegnere biomedico, hanno presentato il nuovo approccio alla cura del cheratocono all’interno dello Spazio Attivo della Regione Lazio “Roma Tecnopolo”.

La Teranostica di Regensight

I Lombardo hanno creato un sofisticato strumento di teranostica, il quale combina la terapia alla diagnostica avanzata per immagini in un unico strumento che guida il medico oculista ad eseguire un trattamento personalizzato, andando ad applicare la terapia nelle zone più deboli della cornea per ogni paziente, così da arrestare in modo definitivo la progressione del cheratocono.

Attualmente lo strumento di Regensight è in fase di sperimentazione clinica, l’operatività è prevista entro l’estate 2024. 

Fonti: stream24.ilsole24ore.com, ilmessaggero.it, humanitas.it, geopop.it

Condividi questo articolo: